Salute-

Prevenzione malattie

4 Conseguenze "curiose" di una cattiva igiene orale


STAMPA email

EMAIL
igiene-orale

Ci siamo mai soffermati, anche solo per pochi istanti sui rischi che alcuni nostri piccoli gesti quotidiani possono causare?



Facciamo un esempio molto semplice e parliamo di igiene orale. Tutti sappiamo che fondamentale lavarsi i denti almeno due volte al giorno, usare un dentifricio al fluoro, filo interdentale, scovolini, colluttori.

[VEDI LA GUIDA ALLA PULIZIA DEI DENTI]


Tutti sappiamo che non basta masticare un chewing gum per essere puliti ed in ordine, anche se al momento la sensazione di freschezza ci fa sentire cos. Tutti ne siamo a conoscenza, ma abbiamo mai pensato davvero a quali possono essere i rischi di una cattiva igiene orale? Forse no, anche perch, molti di noi neanche conoscono a quali patologie e problemi vari di salute si pu andare incontro avendo poca cura della nostra bocca. Analizziamo quindi la questione e facciamo un po' di chiarezza.



Sin da piccoli i nostri genitori ci hanno detto che lavarsi i denti era necessario per non incorrere in fastidiose e dolorose carie altrimenti sarebbe stato necessario andare dal temuto dentista. Non si potevano mangiare caramelle o dolcetti prima di andare a letto perch ci si era gi lavati i denti e come diceva un vecchio ma simpatico adagio 'chi non ama la pulizia non figlio di Maria'. Insomma le studiavano proprio tutte quei 'grandi' per proteggerci da tutti i rischi. Quello che ovviamente non potevano dirci che non sono solo semplici carie o nevralgie i disturbi a cui si va incontro evitando una corretta igiene orale, ma le patologie di cui andremo a parlare sono ben pi gravi e pericolose.



Pochi nomi: infarto, ictus, infezioni polmonari. Non si tratta di previsioni di uno scienziato matto, ma di risultati derivati da attenti e lunghi studi mirati al problema. [IMPARA A RICONOSCERE I SINTOMI DELL'INFARTO]



I ricercatori della Bristol University hanno infatti condotto anni di studio sui rischi della cattiva igiene orale, giungendo ad una conclusione tanto semplice quanto disarmante e temibile. Lo sporco, 'rintanandosi' tra i denti e le gengive, causa infiammazioni che a lungo andare potrebbero degenerare in sanguinamento delle gengive stesse. I batteri prodotti dal cibo residuo, attraverso questi piccoli sanguinamenti, hanno cos la possibilit di invadere il nostro sangue, il quale, in poche parole, potrebbe essere oggetto di coaguli decisamente pericolosi per il nostro apparato cardiaco. Il rischio primario quindi quello di occlusioni arteriose che potrebbero degenerare in ictus e infarti.



Un secondo allarme viene diramato dalla Dental Health Faundation che, grazie agli studi della Scuola di Medicina dell'Universit di Yale, stata in grado di metterci in guardia da altri potenziali rischi. Le analisi sono partite da una statistica che aveva come oggetto persone affette da polmonite. Attraverso un incrocio di dati, stato possibile rilevare che il numero maggiore di ammalati aveva anche problemi gengivali. La deduzione quindi stata immediata: i batteri messi in circolo da questo problema erano gli stessi che avevano contribuito all'insorgenza delle successive infezioni.



Analizzando anche i periodi dell'anno in cui queste patologie hanno il loro massimo picco, si notato che proprio nei mesi invernali, ovvero quelli di maggiore casistica di raffreddori e influenze, lo sviluppo batterico raggiungeva cifre esorbitanti. Da questa analisi alla risposta il passo stato breve; il nesso tra affezioni bronchiali, infezioni polmonari e scarsa igiene orale davvero pi forte di quello che si poteva immaginare.



Nel fitto panorama di studi scientifici comparso anche un altro segnale particolarmente interessante. Da alcune analisi condotte dalla Columbia University di New York, emerso che la cattiva igiene orale pu essere legata anche allo sviluppo di patologie come la demenza e il morbo di Alzheimer. Pu sembrare assurdo, e infatti gli studi sono tuttora in via di approfondimento, ma finora i dati hanno dato adito a pensare che i virus che colpiscono il tessuto gengivale e che attaccano le arterie, possano essere gli stessi che generano la demenza patologica.



Ovviamente tutto questo tessuto informativo non mira a creare allarmismo o a dare soluzioni a chi cerca delle risposte. In ogni caso vale sempre lo stesso detto, 'medico cura te stesso', a partire dalle piccole cose e una corretta e regolare igiene orale fa bene a noi stessi e a chi ci sta accanto.

Contribuisci a questo articolo: Invia Segnalazione Invia Video Segnala Errore






Seguici su Google+





Login
Existing users:
Email address: *

Password *

 

  Ricordati di me nei prossimi 30 gg

New users:

Registrati per creare il tuo nuovo Profilo.

Benessere Salute