Salute-

Disturbi e Malattie

Sindrome premestruale: 8 donne su 10 ne soffrono


STAMPA email

EMAIL
ciclo-mestruale
Leggi lo speciale Estrogeni

Tensione al seno, gonfiori addominali, nausea, irritabilità, irritazione anche cutanea, ritenzione idrica, sbalzi d'umore, aumento di peso sono alcuni dei sintomi che si possono presentare dai 15 ai 7 giorni prima del ciclo mestruale e che poi scompaiono di norma con l'arrivo del ciclo stesso.


L'insieme di questi sintomi viene definita sindrome premestruale, pur non essendo una vera e propria malattia e non ha forse un'origine ancora chiara, di fatto costituisce un handicap sociale e lavorativo per molte donne.

 

Le ricerche medico scientifiche sembra abbiano scoperto, ma non ancora dimostrato, che alla base di tutto ciò vi sia uno squilibrio ormonale: le donne che lamentano questi disturbi producono molti più estrogeni che progesterone.

 

Che fare?

Gli approcci possono essere diversi a seconda del grado di intensità dei sintomi.

Se sono invalidanti è ovvio che bisogna rivolgersi al medico o al proprio ginecologo per impostare un trattamento mirato.

 

Nei casi in cui questi sintomi siano pochi oppure si manifestino raramente oppure non siano così invalidanti si possono seguire alcune norme che aiutano a stare meglio o si possono usare alcuni prodotti naturali ad azione specifica.

 

Prima di tutto si dovrebbe prestare attenzione all'alimentazione: fare in modo che almeno nei sette giorni precedenti l'arrivo del flusso mestruale si assumano tante fibre e si prediligano cibi integrali questo per facilitare la regolarità intestinale.

 

Sarebbero da consumare in discrete quantità anche bietole verdi, fagiolini, riso integrale e frutta secca (noci, mandorle) per introdurre sufficienti quantità di Magnesio, elemento importantissimo per i muscoli ed i nervi; una sua carenza causa crampi, spasmi muscolari, ansia e depressione. In questi giorni precedenti al ciclo sarebbero da evitare i prodotti in scatola ed i salumi insaccati (insomma cibi ad alto tenore salino). Importantissimo è anche l'apporto di acqua durante il giorno che stimola la diuresi. Seguire questi semplici accorgimenti aiuta a diminuire la ritenzione idrica e i dolori muscolari alla pancia e le crisi di irritabilità.

 

Alcuni prodotti naturali sono molto utili per alleviare i dolori, come le creme a base di calendula applicate al seno gonfio e dolorante mattina e sera contribuiscono a diminuire l'infiammazione e il dolore.

 

Il copolimero dell'acido poliglucuronico galattoarabico (meglio conosciuto come 2QR) è una sostanza brevettata, derivata dall'aloe, che ha un effetto calmante e sedativo dimostrato e che può essere applicata nelle zone intime per contrastare possibili irritazioni o eruzioni cutanee.

 

Esiste un prodotto specifico molto buono per i problemi femminili ed è l'olio di Enotera ricco di acido gamma-linoleico, inibitore delle prostaglandine che sono i mediatori dell'infiammazione. Infatti quest'olio ha una spiccata azione antiinfiammatoria senza produrre effetti collaterali. Ha inoltre un elevato potere idratante: idrata profondamente la pelle secca e previene la formazione di smagliature. Lo si trova commercializzato in pillole che di solito, in caso di sindrome premestruale, si devono cominciare ad assumere 14 giorni prima del ciclo fino a 2 o 3 giorni dopo l'inizio del flusso.

.....................................................................................................................................................................................................................

Vuoi saperne di più sul ciclo mestruale? Come superare il dolore causato dalle Mestruazioni?

Articoli correlati per keywords: Salute - Malattie

Contribuisci a questo articolo: Invia Segnalazione Invia Video Segnala Errore






Seguici su Google+





Login
Existing users:
Email address: *

Password *

 

  Ricordati di me nei prossimi 30 gg

New users:

Registrati per creare il tuo nuovo Profilo.

Benessere Salute