Salute-

Cancro e Tumore

Cancro del seno: la personalizzazione della terapia


STAMPA email

EMAIL
tumore-seno
Leggi lo speciale Mammografia

Ogni anno in Italia circa 10.000 donne vengono colpite dal tumore al seno. La XVIII Conferenza Nazionale dell'AIOM ha riunito gli esperti della materia per analizzare tutti gli aspetti di questa malattia, dalla diagnosi, alla terapia; dalle più recenti scoperte scientifiche agli aspetti organizzativi



A Catania si è da poco conclusa la XVIII Conferenza Nazionale dell’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) interamente dedicata al tumore del seno. Si sono riuniti circa 500 esperti di cancro alla mammella, provenienti da tutta Italia, per fare il punto su terapie, ricerca e assistenza.

 

Uno spazio importante è stato dato alle caratteristiche biologiche del cancro, che si sono rivelate la chiave per sconfiggere la malattia, come dimostra l’esempio del recettore HER2. In circa il 20/30% dei tumori al seno si riscontra una presenza eccessiva di HER2, il che purtroppo è indice di una neoplasia particolarmente aggressiva. Fortunatamente, però, si è scoperto che il cancro HER2-positivo (cioè appunto quello in cui si rileva una quantità elevata di questo recettore) in genere risponde bene al trattamento con trastuzumab, un medicinale che appartiene una nuova classe di farmaci antitumorali detti anticorpi monoclonali. Da quando sono stati messi a punto i test per verificare se la neoplasia è HER2-positiva e la terapia mirata con trastuzumab, la mortalità delle pazienti con un cancro HER2-positivo è scesa del 30% circa.

 

Da qui è la nata la strategia della personalizzazione del trattamento, oggi considerata dalla comunità scientifica la vera svolta nella lotta al tumore. Secondo Carmelo Iacono, presidente dell’AIOM, per adeguarsi ai progressi terapeutici è fondamentale, però, ripensare l’intero sistema assistenziale, in primo luogo favorendo una più stretta collaborazione tra il laboratorio di analisi e il reparto, cioè tra il patologo e l’oncologo medico. L’AIOM è stata la prima in Europa a muoversi in questo senso con lo scopo di ottenere diagnosi sempre più veloci, oltre che più accurate, e per consentire all’oncologo di scegliere la terapia più adeguata al caso specifico, ottimizzando l'utilizzo delle risorse.

 

Per ottenere questi risultati è necessaria una migliore organizzazione interna degli ospedali. La XVIII Conferenza Nazionale dell’AIOM ha quindi scelto di dare uno spazio importante anche all’analisi degli aspetti organizzativi. Uno degli obiettivi della società scientifica è infine quello di approfondire gli aspetti strutturali della diagnosi e della cura di questa malattia per garantire un trattamento omogeneo alle pazienti di tutta Italia, perché esiste ancora un notevole divario organizzativo tra regione e regione.

 

Margherita Russo

 

.....................................................................................................................................................................................................................

 


Vuoi saperne di più sul cancro alla mammella? Gravidanza e rischio cancro al seno - Il cancro al seno



Articoli correlati per keywords: Salute - Tumori

Contribuisci a questo articolo: Invia Segnalazione Invia Video Segnala Errore






Seguici su Google+





Login
Existing users:
Email address: *

Password *

 

  Ricordati di me nei prossimi 30 gg

New users:

Registrati per creare il tuo nuovo Profilo.

Benessere Salute